Risata e riflessione: il sottotesto di “Bello di Papà”


img

La commedia è risata, è allegria, distensione dei sensi. Però è anche sottotesto, riflessione, valutazione.
Questo è stato lo spettacolo che ha inaugurato la 32° stagione di prosa del Multiplex Teatro Fasano di Taviano (organizzata da Teatro Pubblico Pugliese e Comune di Taviano) il quale ha fatto registrare il tutto esaurito e il record di abbonamenti.

Letizia, gioia e mani che applaudivano hanno accompagnato gli attori nel saluto di rito al pubblico e l’armonia degli spettatori la si poteva osservare anche a sipario calato e luci accese.
Buona anzi, ottima la prima.

La commedia scritta e diretta da Vincenzo Salemme ci ha fatto meditare, soprattutto noi maschietti, sulle responsabilità che ogni giorno cerchiamo di evitare; evitiamo nuovi vincoli, scansiamo nuovi pesi sulle spalle, proprio quei pesi che Antonio Mecca (il magistrale Biagio Izzo), protagonista della rappresentazione, non voleva accettare.

“Bello di papà” è proprio questo, una serie di ossimori, è una storia cattiva ma leggera e divertente, è l’uomo che ride di se stesso, è la donna e la sua responsabilità, saggezza, è l’uomo che non vuole crescere e che a volte fa il Peter Pan per paura.

I ragazzetti del posto 3 e 4 son andati via prima ancora che mi armassi dello smartphone ma vi lascio alle considerazioni di Marco e Aurora.


#storytellme Teatro Cilea

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...